Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for gennaio 2009

Noi che siamo cresciute con il mito di Cenerentola e della Bella Addormentata nel Bosco. Noi che leggevamo Biancaneve sognando il Principe che ci svegliava con un bacio. Noi che adoravamo le favole, anche se finivano tutte allo stesso modo, con quel vissero felici e contenti che ci faceva sognare il giorno in cui, anche noi, avremmo sceso le scale con un “bellissimo” abito bianco. Il fatto è che nessuno ci ha mai raccontato cosa c’è tra il bacio e il vissero. Io, adesso, vorrei davvero sapere come hanno fatto ‘ste tre con la lista degli invitati, la scelta del luogo del ricevimento, il rinfresco e le bomboniere. Potrei tralasciare l’abito da sposa, che in fatto di vestiario qualsiasi donna sa sempre trovare una scappatoia che renda la ricerca perlomeno divertente. Insomma, tutto questo preambolo per dire che a me non sta piacendo per niente organizzare il mio matrimonio. E si che ne ho organizzati di eventi. Ma un conto è stare dietro le quinte, un conto starci in mezzo. Io c’ho l’ansia. Più passano i giorni e più vorrei dimezzare qualsiasi cosa e persona. Tranne il viaggio di nozze. E sogno delle lunghe tavolate in mezzo ad un prato, con solo i parenti e gli amici con cui mi scambio almeno gli auguri di Natale, la musica, i balli, le scarpe comode, le cravatte allentate, i sorrisi, il sole, le foto scattate dalle macchinette digitali. E invece alla fine della fiera ti accorgi che il matrimonio non è il tuo. Il matrimonio è di tutti quelli che ti hanno invitato alle loro nozze giusto per far numero; il matrimonio è dei tuoi genitori e dei parenti loro, che forse tu non hai mai nemmeno visto; il matrimonio è dei parenti di primo grado che se li incontri per strada nemmeno ti salutano. E tu che sei stata dotata di buonsenso e buona educazione, accetti qualsiasi condizione, pensando che tu, ai matrimoni, ti sei sempre divertita, anche se a malapena sapevi il nome degli sposi.

Annunci

Read Full Post »

Ciao Mafi

Mafi mi ha lasciato. E ho pianto lacrime vere. Che non ho versato per persone a cui volevo bene. E’ strano come decidiamo di reagire alle cose che ci accadono intorno.

Un cane lo ami incondizionatamente. Forse solo perchè non ti contraddice. Anche se magari non ti obbedisce.  Ma questo a me non è mai interessato. Ricordo invece i suoi starnuti quando le facevo le coccole, seduta sul muretto del giardino, quando arrivava il primo sole. E ricordo il suo sorriso su richiesta, a denti sguainati in bella mostra. E ricordo le volte che ha rischiato di farmi cadere che adorava starmi sempre in mezzo al passo. E le sue macchie perfette, i suoi occhi dolci, le orecchie fredde, le ferite, le unghie delle zampe anch’esse a macchie bianche e nere.

Mio babbo l’ha seppellita al sole. In cima ad una montagnola che vediamo da casa mia. L’ha coperta e seppellita. Pensando con dolore alle cacate che non dovrà raccogliere più.

Read Full Post »

Sbrilluccichii

fRAmmENtI DI StEllA

AppESI AllA MIA MAnO.

QUAlOrA PErDEssI IL CAmmINO

AVrEI UnA lUCE A FArmI COmPAGniA.

 

 

Lei: Ricordati che non ho ancora detto si.

Lui ride.

Lo sa che potrei fare a meno di tutto quel che mi preoccupa.

Read Full Post »